Questo è uno dei momenti più interessanti del fitness oggi: prevenzione degli infortuni. Con l’aumento degli infortuni in tutte le aree del fitness e dell’industria sportiva, il termine “prevenzione degli infortuni” è cresciuto e con esso la popolarità di programmi di formazione e terapia su misura per combattere la nostra attuale epidemia di infortuni.

In superficie, restringere i protocolli e i metodi di allenamento per ridurre al minimo i rischi associati all’allenamento e agli infortuni sportivi sembra del tutto giustificato. Ma la verità è che la maggior parte di questi programmi speciali di prevenzione degli infortuni non hanno mostrato risultati significativi nell’attenuare le lesioni che si verificano, mentre molti hanno effettivamente causato più lesioni che mai aiutate a prevenirle.

Ciò che stiamo facendo come industria non funziona e, a causa di questa attività disorientante che è incentrata esclusivamente sulla prevenzione degli infortuni, molti professionisti del settore hanno lavorato e abbandonato questo sistema malfunzionante. E ora, più che mai, atleti e allenatori hanno un rapporto disfunzionale con il modo in cui percepiscono il dolore, gli infortuni e le prestazioni.

Una delle forme più comuni di logica di prevenzione degli infortuni errata è un modo semplicistico di definire “prevenzione degli infortuni”. Le ipotesi su ciò che costituisce prevenzione sono troppo dure, altrimenti le azioni basate sul successo falliscono. O qualcuno è sano o è ferito. O sono pronti a partecipare alle Olimpiadi o hanno bisogno di subire un intervento chirurgico. La forma e la funzione del corpo umano non sono così bianche e nere.

Questi tipi di processi di pensiero assolutisti che circondano il dolore e il trauma lasciano poco spazio alla comprensione della bestia più complessa, ovvero la presenza di dolore che si manifesta sotto forma di trauma all’interno e all’esterno della palestra.

Non esiste la prevenzione degli infortuni. Non possiamo impedire che si verifichi il 100% delle lesioni, né è poco pratico aspettarsi o promettere, ad esempio, professionisti del fitness o della salute. Invece, dobbiamo cambiare il modo in cui il nostro settore vede l’apprendimento come un modo per costruire la resilienza alle lesioni. Questo inizia oggettivando le metriche chiave associate al dolore reale e alla resistenza agli infortuni.

4 Indicatori chiave di prestazione della piramide per la prevenzione degli infortuni

Quindi la domanda rimane: come possiamo finalmente capire che stiamo aiutando i nostri clienti e atleti a ridurre il rischio di dolore e lesioni attraverso l’esercizio? Non continueremo mai ad accovacciare o tirare un atleta se si indebolisce, quindi perché dovremmo continuare a utilizzare le stesse tecniche di prevenzione degli infortuni durante l’allenamento se i nostri atleti continuano a ferire a un ritmo più elevato?

Ecco 4 aree sinergiche di resilienza agli infortuni che utilizzo come KPI per i miei atleti e clienti per oggettivare il successo dell’allenamento al fine di migliorare le prestazioni e ridurre il rischio di lesioni nello sport e nella vita di tutti i giorni. Ciascuno di questi quattro domini è strategicamente posizionato al fine di muoversi verso la massima autosufficienza indolore, ma TUTTI hanno una relazione interconnessa a lungo termine con la salute, la salute e le prestazioni dei tuoi clienti e atleti.

1. Frequenza di infortuni ridotta

Il primo modo in cui possiamo ridefinire il termine resistenza agli infortuni è ridurre la frequenza degli infortuni per un periodo di tempo. Molte persone associano ancora il dolore e il trauma a un fenomeno tutto o niente, quindi ridurre l’incidenza del dolore o dei problemi traumatici è vantaggioso non solo fisicamente, ma anche emotivamente e psicologicamente.

Ridurre la frequenza degli infortuni può sembrare come portare un cliente di fitness generico da cinque attacchi di riacutizzazioni nella parte bassa della schiena a due in un anno. Può anche essere misurato con un blocco di allenamento più specifico per la gestione di atleti e clienti, come un programma di allenamento fuori stagione di 12 settimane, un blocco di preparazione pre-stagionale di 8 settimane o un piano di mantenimento stagionale di 5 mesi.

Con una comprensione più chiara degli strumenti, delle tecniche e dei metodi utilizzati in ogni periodo di tempo studiato, possiamo iniziare a raccogliere dati più importanti per collegare i punti su cui gli aspetti della gestione dell’atleta stanno producendo risultati positivi e che potrebbero richiedere miglioramenti, che potrebbe non mostrare alcun cambiamento o impatto negativo in termini di frequenza di focolai e traumi.

Più infortuni si verificano, soprattutto lesioni ripetute alla stessa struttura o area del corpo, più lo stress fisico ed emotivo è associato a una “condizione dolorosa”, che nel tempo può peggiorare e complicare il periodo di stabilità del recupero. Questo è il motivo per cui la frequenza è il primo e probabilmente l’aspetto più importante della resilienza e costituisce la base della piramide di prevenzione degli infortuni.

2. Ridurre la gravità degli infortuni

Il dolore è una delle risposte fisiologiche fondamentali più soggettive al mondo, il che rende la sua presenza altamente individuale per la presentazione individuale. Quando mescoli il dolore con il movimento umano, un’altra caratteristica fisica unica, hai una professione di formazione e riabilitazione.

Mentre la scala numerica di valutazione del dolore, che riceve autovalutazioni soggettive della gravità del dolore percepito a livelli da 0 a 10, è diventata il sistema d’oro di raccolta dei dati nei nostri sistemi medici, la gravità delle lesioni, specialmente con l’obiettivo della resistenza alle lesioni funzionali, deve essere definita con maggiore precisione. / p>

Quando viene utilizzato per il dolore acuto, l’NPRS può essere un’eccellente misura della bandiera rossa per indicare le fasi successive chiave del processo per garantire che venga intrapresa un’azione appropriata in base alla gravità della lesione ad esordio acuto. Ma non appena il cliente o il paziente lascia la fase iniziale della lesione acuta, questa scala perde la sua efficacia come indicatore funzionale di un ritorno agli scenari di attività.

Questo è il motivo per cui è giustificata l’azione di allontanarsi dalle scale soggettive del dolore per misurare la gravità a breve e lungo termine. Per correlare più accuratamente la gravità ai miei atleti e ai miei clienti, considero il numero di giorni di inattività come misura quantificabile per ripristinare la stabilità con una mentalità di prevenzione degli infortuni.

Un giorno di inattività può essere chiaramente definito da una persona incapace di partecipare alle normali attività ricreative, formative, riabilitative o sportive a qualsiasi titolo. Un giorno di inattività è semplicemente un giorno di riposo obbligatorio al 100% durante il quale l’attività fisica programmata, inclusa la riabilitazione strutturata, non può essere eseguita.

Un esempio di ciò sarebbe il mantenimento della trazione nella parte bassa della schiena lunedì, oltre a non poter tornare a nessun programma di esercizi o riprogrammare un controllo di terapia fisica fino a venerdì per tre giorni di inattività.

Usando lo stesso tipo di infortunio del secondo esempio, se il lunedì qualcuno resiste allo stacco sulla parte bassa della schiena, ma il martedì torna in palestra e può fare distensioni su panca e modificare il proprio programma di conseguenza senza aggravare l’infortunio in corso, allora ci sarebbero zero giorni di inattività per una gravità minima sulla nostra scala.

Il nostro obiettivo per questo livello nella piramide della prevenzione è riattivare i nostri clienti e atleti al controllo fisico strutturato il prima possibile, sia che si tratti di allenarsi in palestra utilizzando il dolore per la selezione degli esercizi o di passare alla terapia fisica il più rapidamente possibile solo possibile. forse per innescare il processo di recupero.

Ma non confondere la metrica della gravità con il ritorno alla pratica e gli scenari di riproduzione. Una volta che qualcuno può tornare a una qualche forma di attività fisica strutturata, sia che si concentri sull’allenamento per la forza della parte superiore del corpo o si sottoponga a terapia fisica per l’esempio sopra, non sono più “inattivi” ma piuttosto di transizione alla chiave successiva. un indicatore di prevenzione degli infortuni, ovvero un calendario per il ritorno a un livello di funzionalità precedente attraverso la partecipazione a un’attività.

3. Riduci al minimo i tempi di ritorno del treno e di riproduzione

I programmi di ritorno al gioco sono diventati un argomento ampiamente discusso nel campo della riabilitazione delle prestazioni atletiche negli ultimi dieci anni. L’odierna epidemia di lesioni lombari, alle spalle e alle ginocchia, che si verificano in una vasta gamma di paesaggi fisici qui in Nord America, rimane letteralmente una domanda da un miliardo di dollari quando qualcuno dovrebbe tornare alle loro attività precedenti.

È importante capire che affrontare il dolore e gli infortuni è un grande affare, con molti fattori diversi che influenzano il perché e il modo in cui un cliente o un atleta potrà tornare al precedente livello di attività. Non è facile come “Nessun dolore? Torna ad allenarti! “Che è fin troppo comune nel nostro settore.

Dalle compagnie di assicurazione che disumanizzano la gestione dei pazienti con istruzioni manuali sul numero di sessioni e sui tipi di trattamenti per i quali pagheranno, ai chirurghi che usano il tempo di ritorno per giocare come un modo per aumentare l’ego e la credibilità professionale invece di proteggere i loro interessi funzionali a lungo termine pazienti. Dalla pressione dei genitori nei primi sport giovanili specializzati alle esigenze competitive e al desiderio degli atleti di tornare alla loro attività preferita ad ogni costo, ci sono molte parti in movimento nel processo.

Sebbene l’indicatore KPI per la prevenzione degli infortuni continui a ridurre al minimo il tempo che intercorre tra il verificarsi di un infortunio e il ritorno all’esercizio fisico, allo sport o all’attività funzionale a tutti gli effetti, questo è un livello della piramide di prevenzione degli infortuni in cui di volta in volta c’è un ritorno più rapido all’allenamento gli sport non sono necessariamente ottimali, soprattutto per la salute, il benessere, il lavoro e le prestazioni a lungo termine.

Uno dei motivi principali per cui le linee guida per tornare a giocare e imparare con un’ampia portata sono così difficili da misurare, e spesso semplicemente sbagliate, è che non tutte le pratiche di gestione dei pazienti e dei clienti sono uguali e non tutti i clienti rappresentano lo stesso anche per quelli con dolore e trauma simili.

Dal tavolo operatorio al lettino per trattamenti, vari aspetti della medicina non sono marchi e non tutti sono uguali. Il tuo successo nel complesso chirurgico dopo aver gestito la terapia fisica, anche se è diretto a te stesso, è altrettanto efficace quanto il livello del professionista con cui lavori.

Mentre il tempo può guarire qualsiasi cosa, il tempo non tiene conto del rafforzamento delle debolezze funzionali che devono essere affrontate per evitare che le lesioni si ripetano. E questi fattori sono molto probabilmente la causa della lesione primaria. Dobbiamo essere più intelligenti che pensare che il dolore e la disfunzione possano essere semplicemente eliminati dal corpo o gestiti in modo ottimale con impacchi di ghiaccio, ultrasuoni e stimoli elettronici.

Quindi, mentre l’obiettivo è ridurre al minimo il tempo che intercorre tra l’infortunio e il ritorno all’allenamento, il pieno recupero a un livello precedente di funzionalità dovrebbe essere l’obiettivo minimo. E preferibilmente a un livello massimo e nuovo nel nostro settore, se vogliamo iniziare a influenzare l’epidemia di trauma che stiamo attualmente vivendo, l’obiettivo di tornare all’allenamento e al gioco deve essere raggiunto con l’eliminazione degli anelli deboli funzionali, potenziati e riprogrammati nelle capacità motorie per non tirare le croste fuori dal ciclo del trauma cronico.

4. Massima autosufficienza nel processo di recupero

Mentre i tre livelli inferiori della piramide di prevenzione degli infortuni determineranno il successo a breve termine nel riguadagnare la resistenza al dolore e alle lesioni, il livello più alto della piramide ha un focus a lungo termine sullo sbloccare il potenziale per il vero dolore. stile di vita libero. Questo vertice rappresenta la padronanza del proprio corpo.

Una metrica chiave dei dati che otteniamo a questo ultimo livello della piramide della prevenzione degli infortuni è come qualcuno possa ridurre al minimo l’uso di trattamenti esterni e la gestione professionale attraverso il dolore e le lesioni e diventare più autosufficiente e autonomo nella gestione efficace. i propri dolori e ferite. Questo può essere quantificato dal numero di ore trascorse in terapia diretta per riprendersi da dolore e trauma.

Diventare più autosufficienti attraverso il proprio processo di recupero e, cosa più importante, avere la conoscenza e il kit di strumenti per mantenere la salute e il benessere del proprio corpo su base giornaliera con pura autonomia in termini di importanza della resilienza complessiva.

Il tuo corpo è davvero l’unica cosa che hai in questo mondo. Lo possiedi fino al giorno in cui morirai, quindi è imperativo che impari il più possibile su come funziona il tuo corpo, come risponde a diversi stili di allenamento, terapie, protocolli nutrizionali, stimoli stressanti e altro ancora. Sei il tuo primo e più importante cliente. E sarai il tuo cliente per tutta la vita.

E a differenza di tutti gli altri, puoi sentire e sperimentare le cose in modo esponenziale più di quanto potrebbero fare anche un medico magico o un chiropratico. Il nostro obiettivo per ciascuno dei nostri movimenti dovrebbe essere quello di imparare qualcosa sul nostro corpo per continuare a raccogliere dati mentre si studia il proprio corpo. Il tipo più importante di esplorazione in cui la riga dell’oggetto legge N = 1.

Certo, ci saranno momenti e luoghi in cui è necessario cercare professionisti nel campo della medicina e del fitness per mettere a punto l’autocontrollo del proprio corpo, ma dobbiamo dare la priorità al trattamento attivo, all’allenamento e ai metodi rispetto a quelli passivi, poiché l’obiettivo è imparare di nuovo abilità ed essere in grado di applicarla per tutta la vita. Se non lo studi, sarà impossibile vivere.

La particolarità di diventare autosufficienti, fisicamente autonomi e attenti al proprio corpo al livello di un maestro al vertice della piramide della prevenzione degli infortuni è che si tratta di un processo in continua crescita di cambiamenti ed evoluzione dei propri bisogni e desideri. Solo perché qualcosa funziona oggi non significa che funzionerà per sempre. Ma trova questi elementi chiave della pratica della consapevolezza e servirà te e il tuo corpo per il resto della tua vita. In questo modo otterrai una longevità indolore al massimo livello.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *